Safari Africa: idee per scoprire il Botswana

Safari Africa: idee per scoprire il Botswana
Indice dei contenuti
    Add a header to begin generating the table of contents

    Safari in Africa alla scoperta del Botswana

    Una natura selvaggia e incontaminata, emozioni reali vivide e scenari dai colori spettacolari. Un safari in Africa regala questo e molto altro. Un continente tutto da scoprire che lascia a chi lo visita un ricordo struggente e indimenticabile, come dimostrato dal noto mal d’Africa.

    Se sei un’amante dell’esplorazione e vuoi provare l’ebrezza dell’avventura in un territorio protetto dalle ingerenze umane, un safari in Africa sarà di certo in grado di soddisfare la tua voglia di viaggiare.

    L’Africa è un continente molto vasto, in questo articolo, il primo di una lunga serie a tema, esploreremo uno ad uno i migliori Stati Africani dove soddisfare la tua voglia di safari.

    Il Botswana dalla riserva Moremi al Delta dell’Okavango

    Se stai viaggiando in Botswana, una meta da non perdere è la riserva faunistica Moremi. Questa splendida area protetta naturale è stata proclamata tale nel 1963, diventando così la prima zona preservata del Delta dell’Okavango. Il suo nome si lega a quello del Capo della tribù Ba Tawana, Moremi III. La Riserva Moremi ospita una gran varietà di habitat e di specie animali.

    Potrai addentrarti nelle piane alluvionali, nelle foreste fluviali e tra i boschi di mopane, avendo la possibilità di ammirare e fotografare cinquecento specie di uccelli, giraffe, leoni, zebre e il raro licaone.

    Trovandoti in quest’area, una visita immancabile è quella al Delta dell’Okavango, formato dal fiume omonimo proveniente dall’Angola. Esso trasporta ogni anno circa 11 Km cubi di acqua, che il delta scarica nella sabbia del Kalahari, formando una pianura alluvionale.

    Questo speciale ecosistema ti offrirà una magnifica esperienza visiva.

    Il Parco Chobe in Botswana

    Un’altra meraviglia del Botswana è il Parco Chobe, sito a nordovest. Per quanto riguarda la sua ampiezza, è considerato il terzo territorio protetto del paese, ma è sicuramente il più celebre grazie all’alta concentrazione faunistica, soprattutto di elefanti, e all’eterogeneità della vegetazione.

    Il parco è diviso in quattro zone tra le quali la più visitata è l’area di Serondela. Situata vicino al fiume Chobe, presenta foreste di teak e pianure lussureggianti, dove vivono magnifici elefanti e bufali.

    La seconda è l’area paludosa e piena di corsi d’acqua di Linyanti, all’angolo nordoccidentale del parco. Il luogo è immerso nella vegetazione fluviale, dove hanno trovato casa coccodrilli, ippopotami, leoni e antilopi.

    Un altro antico corso d’acqua è il Savuti, situato nell’area occidentale. Un tempo era un grande lago preistorico, oggi prosciugato che però, nella stagione secca, ospita sempre un gran numero di animali e quindi un ottimo safari.

    I dintorni del Parco Chobe offrono invece al visitatore la possibilità di ammirare le meravigliose antilopi alcine che abitano nelle pianure alberate adiacenti al parco.

    Visita al Makgadigadi Pan

    Durante un safari in Africa degno di questo nome, una visita al Makgadigadi Pan è imprescindibile. Questo territorio del Botswana è molto particolare dato che circa il 20% della sua superficie è ricoperta di pan (depressione salina).

    A ovest, il fiume Boteti permette di ammirare una gran varietà di animali, attirati dall’acqua durante la stagione secca. Zebre, gnu, leopardi e iene dominano la scena, mentre uccelli come le aquile, gli avvoltoi e i serpentari solcano i cieli.

    La Riserva del Kalahari Centrale

    La riserva faunistica del Kalahari Centrale, la seconda più grande del mondo, è situata nell’omonimo deserto. È in gran parte pianeggiante ma accoglie valli fluviali ricoperte da saline.

    Pur essendo tutta molto bella, la parte settentrionale è quella che merita più attenzione, essendo la più ricca di fauna e la più semplice da percorrere. Il periodo ideale per vedere questa riserva è la stagione secca dato che con le piogge le strade diventano intransitabili.

    Riserva Mashatu al confine con il Sudafrica

    Spingendosi fino al confine con il Sudafrica, la riserva di Mashatu ammalia ogni anno gli occhi dei visitatori. Quest’area privata, chiamata anche “Terra dei Giganti” per i suoi alberi di bacche di Nyala o i Mashatu, conserva una natura incontaminata e una ricca fauna.

    Qui abitano tra l’altro molti elefanti, giraffe e antilopi. Per assaporare appieno l’esperienza in questa area è consigliato programmare una sosta di almeno due notti, per assaporare al meglio la magia di questo splendido luogo.

    Il mal d’Africa esiste, e con l’articolo che hai appena letto abbiamo voluto dartene un assaggio. Nelle prossime settimane continueremo la nostra avventura alla scoperta di Zimbabwe, Namibia e Rwanda.

    A presto!

    Credit: le foto presenti in questo articolo sono state fornite da Wilderness Safaris, nostri Partner per quanto riguarda i viaggi in Africa.

    Aggiornamento: abbiamo pubblicato il secondo articolo di approfondimento sui migliori safari in Africa: Safari in Africa – Zimbabwe Zambia, Rwanda e Uganda.

    Expo Dubai

    Ricevi gratuitamente la guida PDF con i nostri itinerari.

    Compila il form sottostante