fbpx

Namibia, Sudafrica e Isole Seychelles

Namibia, Sudafrica e Isole Seychelles
Indice dei contenuti
    Add a header to begin generating the table of contents

    Un suggestivo “mix africano”… dalle dune in Namibia a Cape Town in Sudafrica, alle Seychelles…

     

    1° giorno: MILANO MALPENSA – ABU DHABI  
    Partenza in serata con volo Etihad Airways per Abu Dhabi. Pernottamento a bordo.

    2° giorno: ABU DHABI – JOHANNESBURG – WINDHOEK 
    Arrivo a Abu Dhabi e coincidenza con volo Etihad Airways per Johannesburg. Arrivo a Johannesburg e coincidenza con volo Etihad Airways per Windhoek. Arrivo all’aeroporto di Windhoek nel tardo pomeriggio, assistenza all’arrivo da parte di un incaricato del nostro corrispondente locale. Ritiro del veicolo a noleggio tipo Toyota Hilux 4×4 DC.
    Trasferimento con il proprio veicolo in città, sistemazione all’Olive Grove Guesthouse in luxury room.
    Windhoek, la capitale della Namibia, che conta circa 500.000 abitanti, di cui la maggioranza di lingua tedesca. E’ una città moderna e pulita ove costruzioni recenti affiancano chiese luterane e giardini traboccanti di aloe. Passeggiando per la Kaiser Strasse, oggi Independence Avenue, si incontrano donne Herero con i caratteristici costumi e si possono vedere curiosi edifici di stile tedesco risalenti all’inizio del XX secolo. 

    3° giorno: WINDHOEK – NAMIB DESERT  ( km 350, circa 5 ore )
    Prima colazione inclusa in albergo. Partenza da Windhoek verso sud-ovest raggiungendo il Namib Desert attraversando un paesaggio caratterizzato da aspre montagne, polverosi letti di antichi fiumi e moltissimi alberi Camelthorn. Arrivo e sistemazione al Sossusvlei Lodge in standard room. Pomeriggio libero per relax o per una prima esplorazione del territorio con il proprio veicolo. Cena inclusa e pernottamento al Lodge.

    Questo deserto, il cui nome deriva da un vocabolo ottentotto che significa “luogo senza nessuno”, è costituito da una fascia costiera relativamente stretta e lunga, il Namib si estende infatti per circa 1.900 km di lunghezza e 80-140 km di ampiezza. L’età stimata è circa 80 milioni di anni, forse il deserto più antico. Il parco nazionale è stato creato proprio a protezione del delicato ecosistema ambientale, un universo unico al mondo: lucertole che possono immagazzinare l’acqua a loro necessaria per due mesi, scarabei che si posizionano nella parte alta delle dune per raccogliere tutta l’umidità della nebbia mattutina, l’antilope oryx che ha sviluppato un sistema particolare di raffreddamento del sangue nelle narici, lo scoiattolo che per proteggersi dall’estremo calore utilizza la coda come parasole….

    4° giorno: NAMIB DESERT & DUNE DI SOSSUSVLEI  
    Prima colazione, cena inclusa e pernottamento al Sossusvlei Lodge.
    Sossusvlei è probabilmente l’icona più conosciuta di tutto il deserto del Namib, famosa per le dune gigantesche dalle sinuose silhouette, formatesi nel corso di milioni di anni, grazie alle sabbie dell’Orange River trasportate dai venti e depositate nell’Oceano Atlantico, per essere poi spostate verso nord dalla corrente del Benguela e quindi spinte nuovamente verso l’interno. A causa dell’azione dei venti e delle correnti, le dune sono in perenne stato di trasformazione. Alcune raggiungono un’altezza di 300 metri e sono tra le più alte del mondo.

    La duna 45 è forse la più famosa e fotografata del parco. Si trova a metà strada tra Sesriem e il Sossusvlei, e può essere piuttosto trafficata in certe ore o periodi dell’anno. Consigliamo una sosta nelle primissime ore del mattino o poco prima del tramonto, quando il parco si è già svuotato.
    Non lontano (1,5 km) dal Sossusvlei si trova il Dead Vlei, famoso per gli alberi fossili ancora in piedi dopo diverse centinaia d’anni, a causa della quasi totale assenza di batteri. Dall’alto delle dune, è possibile godere di una bellissima panoramica a 360°  sulle dune e sul Sossusvlei.
    Vlei in Afrikaans significa “lago”, un tempo alimentato da fiumi poi insabbiatisi. I vlei riprendono vita ogni volta che si verificano le rarissime grandi piogge, mediamente ogni dieci anni. A causa della elevata impermeabilità del terreno, piccoli laghi dalle acque turchesi rimangono visibili, come un miraggio nel deserto, per qualche tempo.

    5° giorno: NAMIB DESERT – WALVIS BAY  (circa 350 km)
    Prima colazione al lodge. Oggi si lascerà il deserto per raggiungere la costa  per raggiungere Walvis Bay. Lungo strada si passerà per i canyon del Gaub e del Kuiseb (i 560 km di lunghezza del fiume Kuiseb scorrono solo occasionalmente nel sud-ovest del  canyon del Guiseb. Questo canyon è stato scavato tra i 2 e i 4 milioni di anni fa, quando l’acqua del fiume incise profondamente la roccia morbida e sosta per ammirare la Welwitschia Mirabilis, un vero e proprio fossile botanico vivente. Si arriva a Walvis Bay nel pomeriggio e sistemazione all’Oysterbox Guesthouse.

    6° giorno: WALVIS BAY – escursione a Sandwich Harbour 
    Pernottamento e prima colazione in hotel.
    Giornata di escursione prevista alla spettacolare Sandwich Harbour. L’escursione dura dalle ore 8.00 con pick up dal vostro albergo, fino alle 16.30 e parteciperete unitamente ad altri passeggeri. Il tour includerà anche la Walvis Bay Lagoon, i Saltpans, il Kuiseb River Delta. Pranzo incluso.

    7° giorno: WALVIS BAY – WINDHOEK  (394 km ) – CAPE TOWN  

    In mattinata rientro verso la capitale , Windhoek. Rilascio del veicolo in aeroporto in tempo utile per partenza con volo Air Namibia per Cape Town, arrivo in serata. Assistenza da parte di un incaricato del nostro corrispondente locale che vi assisterà per il ritiro dell’auto e vi consegnerà il manuale “digest” relativo al vostro itinerario e percorso con tutte le informazioni sulle strade, visite etc. Trasferimento incluso in albergo. Sistemazione al Protea Hotel Victoria Junction 4* in “standard room”. Serata libera e pernottamento.

    8-9-10° giorno: CAPE TOWN 
    Prima colazione e pernottamento in albergo. Giornate libere a vostra disposizione per visitare la città. Possibilità di prevedere anche un auto a noleggio.
    E’ già inclusa un’intera giornata di visita ad Hermanus su base privata e con guida locale parlante italiano
     da effettuarsi in un di questi giorni. La visita include: Passaggio asl Sir Lowry’s Pass; visita del Cape stall farm; Harols Porter; botanical Gardens. Passaggio per False Bay e tempo a disposizione per l’avvistamento delle balene. Sosta per il pranzo a base di pesce già incluso.

    Cape Town è considerata non a torto, una delle città più belle del mondo e il simbolo della città è la “Table Mountain”, un imponente promontorio che domina la città la cui cima ha la particolarità di essere completamente piatta. Da non perdere il “Waterfront”, l’antico porto convertito in un vivace e attrezzato quartiere, divenuto il riferimento turistico della città, grazie alla presenza di numerosi alberghi, negozi, un grande centro commerciale, pub e ristoranti.
    Cape Town fu fondata nel 1652 come punto di rifornimento della Compagnia Olandese delle Indie per le navi dirette verso Oriente ed è la città più antica del Sudafrica. Oggi si propone come vivace città di punta del Terzo Millennio con ristoranti sofisticati, negozi etno-chic e jazz club con musica dal vivo, musei all’avanguardia, rassegne di artisti contemporanei.

    Durante il soggiorno a Cape Town consigliamo:
     una intera giornata di escursione al Cape Point Peninsula fino a raggiungere il Capo di Buona Speranza (da effettuarsi, senza difficoltà, con la propria auto a noleggio !)
    Iniziate il vostro giro passando per Sea Point, Camps Bay, Clifton e Llandudno si raggiunge il villaggio di pescatori di Hout Bay. Da Hout Bay si può effettuare un giro in Barca per Duiker Island per vedere le foche del Capo. Da Hout Bay  procedete poi attraverso Chapmans Peak Drive (se e’ aperto) fino alla Riserva Naturale del Capo di Buona Speranza che si estende per 40 km. lungo la costa. Con una bella vegetazione di fynbos (macchia), la Riserva ospita una consistente popolazione di antilopi e diverse varietà di uccelli..
    Visita a Cape Point dove è possibile raggiungere la sommità della collina con la monorotaia per ammirare  l’incontro dei due Oceani.  Da Cape Point si prosegue poi per Simons Town, dove si trovano i Quartieri generali della Marina  Sudafricana. Si visita anche la spiaggia di Boulder’s, con la prolifica colonia di pinguini del Capo,  Si rientra a Cape Town attraverso False Bay e Simon’s Town passando per Fish Hoek e Muizenberg.
    Se c’e’ ancora tempo, prima di scendere verso la città si consiglia una visita dei magnifici Giardini Botanici di  Kirstenbosch, che occupano un’area di 560 ettari sul versante orientale della Table Mountain ed ospitano più  di 4000 tipi diversi di piante, di cui 2600 specie sono endemiche della Regione del Capo.

     una visita della città, della sua zona centrale oltre al Waterfront e la salita in funivia alla Table Mountain a cui si gode un bellissimo panorama della città.

    11° giorno: CAPE TOWN – JOHANNESBURG – RISERVA DI MADIKWE “MALARIA FREE”
    Prima colazione e trasferimento incluso in aeroporto in tempo utile per partenza con volo South African Airways per Johannesburg, arrivo e trasferimento privato incluso verso la Riserva Naturale di Madikwe, a circa 5 ore da Johannesburg. Arrivo e sistemazione per 3 notti all’Impodimo Game Lodge in “Luxury Suite”. Safari del pomeriggio a bordo dei veicoli del Lodge e con rangers locali unitamente ad altri ospiti del Lodge. Rientro dal safari, cena e pernottamento.

    Madikwe, su una superficie di 70.000 ettari, ospita un’innumerevole quantità di animali tra cui elefanti, rinoceronti bianchi e neri, bufali, zebre, giraffe, antilopi, leoni, leopardi, ghepardi, iene, e i rari licaoni, una delle specie a maggior rischio d’estinzione. La riserva è stata aperta al pubblico nel 1991 a seguito di un’importante progetto di ripopolamento. Oggi Madikwe rappresenta un ottimo esempio di turismo eco-sostenibile.

    12-13° giorno: RISERVA DI MADIKWE 
    Trattamento di pensione completa all’Impodimo Game Lodge. Sono previsti due safari al giorno, uno al mattino presto e uno in serata accompagnati da esperti ranger di lingua inglese.
    La riserva è stata aperta al pubblico nel 1991 a seguito di un’importante progetto di ripopolamento. Oggi Madikwe rappresenta un ottimo esempio di turismo eco-sostenibile.

    Madikwe – Si tratta di una delle più vaste riserve del Sudafrica e comprende 760 kmq di bushveld, prateria della savana e foresta riparia ai margini del deserto del Kalahari, ai confini con il Botswana. La riserva fu istituita nel 1991 non solo per proteggere gli animali a rischio di estinzione, ma anche con l’intento di creare posti di lavoro e di fornire una risorsa ecologicamente sostenibile per la popolazione locale.
    Una massiccia operazione di ripopolamento, chiamata Operazione Phoenix, ha portato in questa zona più di 10.000 animali, un tempo tutti nativi della zona, ma che furono sterminati dalla caccia e dallo sfruttamento agricolo da parte della popolazione. Il completamento dell’operazione richiese parecchi anni , durante i quali gli animali, compresi interi branchi di elefanti, furono trasportati in aereo e in camion da diverse altre riserve dell’Africa Meridionale. Oggi sono presenti tutti i big five, i licaoni, a rischio di estinzione ed oltre 350 specie di uccelli.
    Madikwe è una delle gemme del Sudafrica: pur essendo più vicina a Johannesburg rispetto al Kruger, ha un minor numero di visitatori e le visite si svolgono con calma. Inoltre, la zona è esente da Malaria e quindi è l’ideale per i bambini. Non è possibile visitare questa riserva entrando solo per la giornata: solo gli ospiti dei lodges all’interno della riserva sono autorizzati a fare safari fotografici.

    14° giorno: RISERVA DI MADIKWE – JOHANNESBURG 
    Prima colazione e in giornata rientro con trasferimento privato verso Johannesburg. All’arrivo trasferimento libero con navetta in albergo. Sistemazione al Peermont Mondiors at Emperors Palace in “classic room”. Pernottamento.

    15° giorno: JOHANNESBURG – SEYCHELLES – ISOLA DI PRASLIN 
    Prima colazione e trasferimento libero con navetta in aeroporto in tempo utile per partenza con volo Air Seychelles per Mahè. Arrivo e assistenza e coincidenza con volo domestico per l’isola di Praslin (20 min di volo). All’arrivo trasferimento incluso in albergo. Sistemazione al Le Domaine de la Reserve 4* in “colonial superior room”. Pernottamento.

    Oppure possibilità di prevedere altre strutture, per esempio “Paradise Sun Resort 4*” , “Constance Lemuria Resort 5*” …o è anche possibile trascorrere almeno 2 notti  sull’isola di La Digue. Quotazioni su richiesta

    16-17-18-19-20° giorno: ISOLA DI PRASLIN 
    Giornate libere per relax, attività balneari a Praslin. Trattamento di mezza pensione al Le Domaine de la Reserve in “colonial superior room”.

    Ad un quarto d’ora d’aereo e 45 minuti di nave da Mahé, Praslin è la seconda isola dell’arcipelago con una superficie di 26 km². Meno montuosa della sua rivale, deve la sua fama all’eccezionale Valle di Mai, un santuario vegetale, patrimonio mondiale dell’Unesco, dove cresce l’emblematico coco-fesse. L’ingresso in questo sito è protetto e a pagamento ma vale davvero la pena di farci un giro. Avrete così il privilegio di inoltrarvi nel cuore dell’unica piantagione di palme da cocco marine del pianeta, dove il groviglio di foglie, liane e radici vi farà immergere in un universo degno di un episodio di Indiana Jones.
    Cinque itinerari molto ben segnalati, che vanno da 1 a 2 km, permettono di solcare questo santuario vegetale in tutta tranquillità. All’uscita, un negozietto vende coco-fesse con un certificato ufficiale per l’uscita dal territorio, un documento indispensabile per riportarli in patria legalmente.
    Si viene a Praslin anche per godersi le spiagge da sogno e i servizi alberghieri di qualità. Come sull’isola di Mahé, il turismo qui è molto localizzato. Côte d’Or, sulla costa orientale, e Grand’Anse, sulla costa occidentale, costituiscono i luoghi di maggior concentrazione di hotel e pensioni dell’isola. In questo modo, gli amanti della natura selvaggia troveranno moltissime spiagge prive di qualsiasi costruzione come Anse Lazio con il suo scenario da cartolina, Anse Boudin che si affaccia sulla riserva naturale di Curieuse o Anse la Blague, che ha un accesso più difficile, quindi è meno frequentata. Senza contare le numerose insenature solitarie cullate solo dal rumore delle onde che troverete un po’ ovunque sull’isola.

    21° giorno: ISOLA DI PRASLIN – MAHE’ – ABU DHABI – MILANO 
    Prima colazione in albergo. In giornata trasferimento incluso in aeroporto, partenza con volo domestico per Mahè e coincidenza con volo Etihad Airways per Abu Dhabi. Arrivo e coincidenza con volo Etihad Airways per Milano. Notte a bordo.

    22° giorno: ARRIVO A MILANO
    Arrivo a Milano Malpensa in mattinata.

     

    Quotazione a partire da euro 5.770 per persona
    (iscrizione, assicurazione e tasse aeroportuali sono esclusi dalla quotazione sopra indicata)

    Prezzo riferito al 2020. Richiedete la quotazione aggiornata per partenze 2021.

    Si segnala che il costo del viaggio qui proposto è puramente indicativo e non comprende supplementi volo o supplementi per le sistemazioni in Alta Stagione (ad esempio i mesi di luglio e agosto, Natale/Capodanno ed altre festività, oppure stagionalità diversa per alcuni Paesi). Vi suggeriamo di richiedere la quotazione aggiornata per il periodo di vostro interesse.

    Richiedi informazioni su questo itinerario

    Altri itinerari interessanti

    Africa e Oceano Indiano

    Sudafrica, safari e Seychelles

    Da Cape Town alla riserva privata di Ngala per un emozionante safari, terminando nell’arcipelago delle Seychelles sull’isola di Praslin !   1° Giorno : Milano

    Africa e Oceano Indiano

    Kenya e isole Seychelles

    Un safari tra i laghi della Rift Valley e la riserva di Masai Mara ed un soggiorno al mare sull’isola di Praslin presso l’elegante Constance

    Quando si potrà viaggiare?

    Ti avviseremo sulle riaperture al turismo dei vari paesi